Detrazioni

Il privato che acquista una stufa a biomassa, sia essa a pellet o a legna, ha la possibilità di accedere a significativi incentivi fiscali. Gli interventi incentivati sono essenzialmente di due tipologie:

- RISTRUTTURAZIONE DEGLI EDIFICI, per cui è previsto un incentivo del 50% (per le spese effettuate dal 26 giugno 2012 fino al 31 dicembre 2015).

- RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI, per cui è previsto un incentivo del 65% per le spese effettuate dal 1° gennaio 2015 fino al 31 dicembre 2015, per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro. In questa detrazione specifica rientrano tutti i generatori di calore a biomassa, compresi quelli senza caldaia integrata, che soddisfano i requisiti di emissioni e rendimenti specificati nel vademecum ENEA. Tale detrazione non prevede l’obbligo di presentazione dell’attestato di certificazione (o qualificazione) energetica.

Gli incentivi fiscali per le stufe e pellet consentono di ammortizzare i costi di acquisto negli anni, col risultato che riscaldare con le stufe a pellet risulta ancora più conveniente.

Guida alle Agevolazioni Fiscali per il Risparmio Energetico -> Scarica

Guida alle Agevolazioni Fiscali per le Ristrutturazioni Edilizie -> Scarica

Attestato Ravelli 50% -> Scarica

Attestato Ravelli 65% -> Scarica